Lo studio

Lo Studio fu fondato nel 1978 da Sergio Maria Carbone e Andrea D’Angelo, che unirono le rispettive, complementari competenze – internazionalistiche, comunitarie e marittimistiche del primo, civilistiche del secondo – in un sodalizio professionale che si è avvalso di una circolazione di esperienze tra l’attività pratica e quella accademica che ha poi segnato la formazione e caratterizza oggi l’apporto anche di più giovani membri dello Studio.

Sergio Maria Carbone è stato professore ordinario nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Genova dove ha insegnato Diritto Internazionale, Diritto dell’Unione Europea e Diritto Marittimo, ed è oggi Professore Emerito del Dipartimento di Giurisprudenza della medesima Università; ha tenuto corsi presso l’Accademia di Diritto Internazionale dell’Aia, è membro della Sezione Italiana dell’Unidroit e vicepresidente della Associazione Italiana di Diritto Marittimo; è condirettore della Rivista di Diritto Internazionale Privato e Processuale, di Diritto del Commercio Internazionale, di Il Diritto Marittimo.

Andrea D’Angelo è professore ordinario nel Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Genova, dove insegna Istituzioni di Diritto Privato e Diritto Civile; è stato direttore della Scuola delle Professioni legali di quell’Università; è condirettore dell’Annuario del Contratto.

Nei primi anni lo Studio si sviluppò, in particolare, attraverso le esperienze di consulenza a grandi imprese impiantistiche impegnate nei settori dell’energia, convenzionale e nucleare, della siderurgia e dei trasporti, specialmente con riguardo alla materia degli appalti, nazionali e internazionali, per la realizzazione e la gestione di impianti e infrastrutture, alla cooperazione tra imprese e alla finanza di progetto.

Parallela e complementare a quella di consulenza è sempre stata un’intensa attività di assistenza contenziosa davanti all’autorità giudiziaria ordinaria e in procedimenti arbitrali.

Studio Carbone e D'Angelo

I titolari sono stati inoltre frequentemente nominati membri o presidenti di collegi arbitrali per la soluzione di controversie nazionali e internazionali.

La vicinanza all’impresa è stata anche occasione per l’assunzione di selezionati incarichi di consiglieri di amministrazione di Società e Fondazioni (in particolare, Sergio Maria Carbone è stato Presidente di Finmeccanica negli anni delle privatizzazioni).

L’originario e persistente radicamento genovese dello Studio non ne ha limitato l’impegno in ambito nazionale e internazionale, pur avendo i titolari orientato la crescita della struttura professionale dello Studio nel senso di una dimensione funzionale a scelte formative e metodo di lavoro non compatibili con la proliferazione delle sedi e la moltiplicazione del numero dei componenti.